Settembre a Roma è così: si esce in t-shirt e pantaloni leggeri, ma soprattutto è ancora preferibile gustare la musica in spazi aperti, come Feria, ovvero “l’Isola sul tetto del Lanificio”.

Bar Kahbum – Con due dei mie compagni di viaggio in questa lunga estate, Davide e Federica, siamo stati a Feria per una delle serate live organizzate dai ragazzi di Kahbum. Ospiti principali, Folcast e MAMI WATA, un collettivo di musicisti dj appassionati di contaminazioni contemporanee ed elettroniche di derivazione tribale.

La serata è iniziata con la musica di EasyLand un interessante progetto ideato da Davide Lanzusi che coniuga performance artistiche, musica live e dj-set. Giovedì sera abbiamo conosciuto  Easy Land  in quest’ultima veste, con Davide dietro la consolle: “from music love to music lovers”.

Bar Kahbum

Dopo Easyland salgono sul palco di Bar Kahbum i Folcast.

Nati nel 2015 dall’unione di Daniele Folcarelli (voce e chitarra), Andrea Fusacchia (sax e piano), Massimo Ricciardi (basso), Stefano Mazzucca (batteria), portato avanti successivamente come progetto solista da Folcarelli, in occasione di Bar Kabhum  si sono esibiti con Daniele e Andrea.

I Folcast riescono a tessere un arazzo con fili di blues, rock, funk e testi sinceri che non hanno la presunzione di insegnarti qualcosa, ma la spontaneità di intrecciare parole, realtà e riflessioni intimistiche.

Durante la loro performance hanno eseguito anche cover di artisti come Willie Peyote, Cosmo, Ghemon, omaggiando artisti che li hanno influenzati nel loro percorso ma riproponendole in maniera del tutto originale.

Bar Kahbum

Bar Kahbum

‘Quess’, il loro album di esordio uscito nel febbraio 2017  è composto da 10 brani perfettamente riproposti nel piacevole, ironico ed accattivante live di Bar Kabhum . Se siete amanti della musica folk- rock questa band capitolina è indubbiamente da tenere sott’occhio… anzi sotto orecchio.

La curiosità e che ci siamo ritrovati ad una serata doppia di artisti, organizzata per andare a recuperare eventi annullati in un’ estate particolarmente piovosa.

Per fortuna la musica non permette a niente e nessuno di farsi annullare, anzi si fortifica e rilancia con nuovi connessioni e ritmi, le stesse che hanno mosso i quattro giovani ragazzi romani a dar vita al loro progetto.

da Bar Kabhum è tutto linea allo studio…

di Damiano Sabuzi Giuliani e Federica Romani , foto Davide Canali

Condividi