It’s Cookies! L’appuntamento con la musica indipendente in riva al mare. Questo mese il lungomare di Crotone ha avuto il piacere di ospitare una strepitosa Laura Guidi seguita dal dinamico duo Ginger Bender.

Cookies di Luglio comincia con Laura Guidi, una Linda Perri dei giorni nostri (la si potrebbe definire così) italiana che vive a Berlino.

Autrice dei suoi testi e con un animo decisamente punk, questa rampante artista porta sul palco la sua energia. Una forza che arriva grazie al suo timbro di voce graffiante e “sporco” ed alla chitarra un pò scordata, mantenendo alto, al tempo stesso, il livello di eleganza e grazia.

Cookies

Oltre a riprodurre i suoi testi, al momento cover, la Guidi sceglie di omaggiare la città di Crotone con la riproduzione di alcuni testi di Rino Gaetano.

Una signora del rock che accoglie gli accordi con delicatezza e li fa vibrare dentro di sè con vivacità, restituendoli al pubblico in modo così indie e piacevole.

Subito dopo è il turno del frizzante duo Ginger Bender, composto da Alessandra Di Toma e Jeanne Hadley, due giovani milanesi in tour verso alcune tappe del sud.

Il primo aspetto evidente è l’impeccabile tecnica musicale.

Si capisce bene infatti che stiamo parlando di due “chitarriste dotte” che hanno un bagaglio culturale e musicale molto ampio ed eclettico. Si è subito colpiti dalla precisione con cui fanno urlare le loro chitarre a suon di uno swing che fa presto a macchiarsi di reggae.

Le ragazze spaziano molto, così da non cristallizzarsi in modo inflessibile in un genere. Da notare, a proposito di eclettismo, anche la sostituone di una delle due chitarre elettriche con l’ukulele, che da quel tocco esotico ai brani.

Cookies

Sulle sei corde viene adagiato il limpido suono delle loro voci, che vengono mescolate in un continuo controcanto di toni alti e bassi e che danno un tocco di femminilità e leggerezza ad una base rock più maschiaccia ed esuberante.

Curiosa anche l’introduzione di ogni brano con una breve interpretazione dei testi e spiegazione degli aneddoti che le hanno ispirate nello scriverli.

Il carisma e il modo di saper tenere il palco delle Ginger Bender, oltre alla loro musica, ha obbligato il pubblico a chiedere il bis finale.

La complicità mostrata ha sicuramente connesso empaticamente tutti i presenti e rende questo duo sicuramente una piccola gemma preziosa.

Quello portato in tour è soltanto il loro primo disco, dunque auguriamo un grande in bocca al lupo a queste giovani ragazze che sicuramente meritano una gran bella carriera.

Prossimo appuntamento con Cookies il 10 Agosto con i Mr. Everett

di Marta Paluccio  foto Aurelien Facente

 

Condividi