Back Chat, Live Session

|Intervista + Live Session| Diego Nota

Ho incontrato Diego Nota nel cuore della Ciociaria per conoscere meglio il suo secondo album da solista, a 5 anni da “Anarchia cordis”, esce il suo piccolo capolavoro “Esercizi per scomparire”, un disco dal linguaggio politicamente scorretto ma che non sconfina mai nella volgarità.

Diego Nota ci regala, insieme a Maurizio Minnucci e Marco Vallecoccia, tre brani in acustico (“non sono di latina”, “non dipende da noi due” e “Kong”) che raccomandano di non prendersi troppo sul serio e di fare come gli alberi: loro “non gridano, perdono le foglie ma non si disperano, perché cresceranno le altre, rigogliose e forti”.

Nell’intervista ci racconta anche dell’esperienza discografica con gli Ultimavera e ci regala, a fine giornata, una bella versione in acustico di “l’espansionismo dei pidocchi“ proprio dall’ultimo album con gli Ultimavera “ai caduti in bicicletta”.

 

di Davide Canali

Condividi

Comments are Closed

Theme by Anders Norén