Back Chat

Calcio, musica e allegria: gli ingredienti vincenti di Tutto Molto Bello 2017

Tutto Molto Bello 2017

Tutto Molto Bello 2017

Divertimento e buona musica per la settima edizione di Tutto Molto Bello, il torneo di calcio a cinque delle etichette indipendenti tenutosi dal 15 al 17 settembre a Bologna.

La location scelta è il Parco del Dopolavoro Ferroviario (DLF), uno spazio allestito in maniera colorita anche con stand food&drink, mercatini, postazioni dj-set, ecc.

Tutto Molto Bello nasce nel 2011 grazie alla Trovarobato, oggi organizzato da Modernista, Sfera Cubica e Locomotiv Club, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna.

Scatto dal Tutto Molto Bello 2017

Scatto dal Tutto Molto Bello 2017

Trentadue squadre in questa edizione (la prima ne contava otto), dove tutte le figure che ruotano attorno a una label si cimentano nel torneo.

Lo scopo? Come dichiara il team di Tutto Molto Bello sui social, è quello di unire due grandi passioni nazional-popolari: il Calcio e la MusicaCon calcio si intendono anche tornei di biliardino, Subbuteo e con musica ci si riferisce pure alla presenza di numerosi concerti.

I main live di Tutto Molto Bello si sono svolti nell’Area Puccini, mentre il resto delle esibizioni erano fruibili al Locomotiv Club.

La prima serata è stata battezzata dal cantautore sardo Iosonouncane con la sua rivisitazione del Mandria Tour più sezione fiati. Il 16 è stata la volta di Giorgio Poi, Altre di B, Colombre, mentre il 17 ha chiuso i battenti il rap sanguigno di CoezE anche gli altri nomi delle band previste non sono state da meno: Junkfood, Halfalib, Le Capre a Sonagli, Nuju, Omosumo, Teppa Bros, Sex Pizzul, Tobjah.

La squadra del Primavera Sound Festival si è aggiudicata la vittoria dell’ambitissima “Coppa Piacentina”.  Al secondo e al terzo posto si sono piazzate rispettivamente Ikebana Records e LibellulaMusic.

Tutto Molto Bello è un’occasione per unire l’utile al dilettevole, un continuo riferimento alla cultura calcistica, quella d’altri tempi che mette d’accordo un po’ tutti. Vedere artisti e figure dell’ambito musicale scambiare strumenti del mestiere con scarpette e pallone è un’emozione più unica che cara.

Una di quelle iniziative che ti fanno inorgoglire quel cuore tricolore che non sempre batte all’unisono sia per la musica che per il calcio.

Condividi

Comments are Closed

Theme by Anders Norén