Il 3 Giugno è la data del secondo appuntamento per lo spin Off di Rock The Targia con Veivecura.

Vi abbiamo già presentato quello che sarà il Rock The Targia 2018 ed il loro primo Spin Off con i Black da Jezus. Oggi abbiamo intervistato un altro dei protagonisti dei loro Spin Off, VeiveCura.

Ciao Davide, benvenuto a Casa Suonatori Indipendenti. Parlaci un po’ del tuo progetto VeiveCura.

Ciao, ed intanto grazie. Che dire, VeiveCura è il mio alter ego da quasi dieci anni, potrei parlarti della mia vita artistica per ore ed ore. E’ un’esperienza non riassumibile in poche righe, anche perché ha subito diverse e importanti variazioni nel tempo.

Siete giovani ma abbastanza navigati soprattutto per quanto riguarda la dimensione live, come mai hai scelto di tornare all’essenziale e di “divenire” così one man band?

Grazie per il “giovane”, ma non mi ci sento più da qualche anno, soprattutto ora che ne ho trentatré! Premetto che la band c’è ancora, tant’è che stiamo lavorando a un altro disco. Adesso sto semplicemente facendo un ultimo giro di promozione di “Me+1”, da solo. Sai, mi serviva proprio questo tour solista. Volevo rimettermi in gioco, cambiare le carte in tavola, presentare un live totalmente nuovo. E non parlerei di “ritorno all’essenziale” considerato che dal vivo suono pianoforte, synth, batteria acustica ed elettronica, registrando tutto sul momento.

Quando hai capito che Veivecura ti avrebbe dato di certo tante soddisfazioni?

Non l’ho mai capito in realtà, le soddisfazioni le vedo quando mi fermo e mi guardo indietro, perché nella mia carriera mi sono tolto diverse soddisfazioni, che forse non mi saranno servite a diventare un artista mainstream ma di sicuro hanno arricchito e reso magica la mia giovinezza.

Qual è stato il concerto che in questa ultima parte di tour ti ha lasciato qualcosa in più rispetto a tutti gli altri concerti?

Forse il primo, in una chiesetta sconsacrata di Enna. L’emozione era fortissima, affrontare il pubblico da soli non è come quando hai alle spalle una band. Ho incontrato un pubblico caldo e affettuoso, che mi ha dato la giusta carica per le date a seguire. E’ una di quelle serate che conserverò nei ricordi.

Pensi che la tua/vostra posizione geografica possa rendere più difficile il vostro cammino nella musica?

Assolutamente sì! E’ sempre stato così. Siamo tagliati fuori da un sacco di cose. Non facciamo mai date secche, solo tour o mini-tour, con tutte le difficoltà organizzative che ne conseguono. E poi avere una fan base a Ragusa non equivale ad averne una a Roma, Bologna o Milano, non fa fico, non so se capisci…

La tua estate in musica sarà di certo lunga, vuoi ricordarci i tuoi prossimi appuntamenti?

In realtà farò pochi concerti in estate, e solo in Sicilia. Voglio prendermi del tempo e dedicarmi alla composizione del nuovo album. La prossima data sarà domenica tre giugno nell’incantevole cornice del Castello della Targia a Siracusa, al tramonto.

La location di Rock The Targia Spin Off sarà nel chiostro del bellissimo castello federiciano della Targia, all’interno dell’Azienda Agricola Pupillo che ospiterà tutti gli eventi in 
programma. 
Rock The Targia si conferma così un appuntamento fisso per la musica indipendente italiana che vedrà susseguirsi le realtà musicali più interessanti dell’anno solare appena trascorso.

DOMENICA 3 GIUGNO ore 19
INGRESSO 5 € + Consumazione
DJ SET: Giulio Tomasi 

Condividi