Back Chat, Review

Oumou Sangarè, “Mongoya”, Nø Førmat

Oumou Sangarè

Oumou Sangarè

Lo scorso 19 maggio è uscito “Mongoya”, il nuovo album di Oumou Sangarè, per Nø Førmat.
“L’usignolo del Mali”, come è stata ribattezzata, è un’artista che non solo rappresenta l’emersione di un concetto musicale contaminato dalle proprie origini e dalla sperimentazione europea, in particolare francese.

Ma ha anche un valore artistico intrinseco, che viene esternato e definito dalla peculiarità della sua voce.

Un sound più contemporaneo, basso portante e synth costruiscono le fondamenta per chitarre a tratti aggressive, ma che non dimentica il cuore nero di Oumou, sottolineato dagli strumenti africani come il kamele n’goni (arpa), karignan (metal scraper) e il calabash (percussioni).
Registrato a Stoccolma da Andreas Unge e prodotto a Parigi dal team di produzione A.L.B.E.R.T. (Vincent Taurelle, Ludovic Bruni e Vincent Taeger),il disco contiene anche una collaborazione con Tony Allen.

Nove i brani contenuti nell’album, ed il primo singolo è Kamelemba, presentato in Italia in première su Rai Radio 2, ulteriore conferma, se ce ne fosse bisogno, dell’attenzione da riservare ad un’artista come Sangarè.

Condividi

Comments are Closed

Theme by Anders Norén