Tra arte e scienza

Dal 29 aprile al 10 settembre 2017 all’interno dei nuovi spazi espositivi dell’Ex Dogana di Roma ArtFutura, Creature Digitali; un’ esperienza audiovisiva immersiva in cui sperimentare proiezioni virtuali sconosciute.

La mostra, prodotta da MondoMostre Skira, è curata da Montxo Algora direttore dell’omonimo Festival internazionale “ArtFutura”, con il patrocinio di Roma Capitale e dell’Università degli Studi di RomaLa Sapienza“.

Per questa esposizione italiana, il curatore Algora ha riunito tutti gli artisti che in questi anni sono riusciti a percorrere un sentiero parallelo tra arte e scienza, un nuovo modo di osservare la realtà odierna, una continua evoluzione verso un nuovo mondo digitale. Paul Friedlander (UK), Esteban Diácono (Argentina), Can Buyukberber (Turchia/USA), Sachiko Kodama (Giappone), Chico MacMurtrie/Amorphic Robot Works (USA) e il collettivo Universal Everything (UK) sono i protagonisti della mostra insieme ad alcune opere provenienti dal festival internazionale ArtFutura che da 26 anni, celebra in tutto il mondo l’arte multimediale. Artisti-scienziati che raccontano il nuovo mondo digitale dove tutto è in continua evoluzione, sculture cinetiche che creano olografie galleggianti, campi magnetici che generano forme di ferro-fluido dinamiche.

“Questi artisti scienziati ci aprono le porte di un nuovo mondo digitale dove risulta evidente che tutto, come le loro opere, sarà in continua evoluzione. La loro arte rappresenta l’evoluzione di un mondo dove tutto sarà diverso, come anche i musei e gli spazi espositivi sempre più simili a luoghi dove poter usare l’immaginazione, dove poter visualizzare i nostri pensieri e i nostri sogni diventando parte attiva dell’allestimento come metafora della nostra esistenza“.

Per concludere, infine, una mega-proiezione di un film di 20 minuti nella sala espositiva più grande dell’Ex Dogana presenterà il meglio delle nuove creature digitali dell’ultimo anno, elaborate per ArtFutura provenienti da tutto il mondo.

www.csimagazine.it

Condividi