Live Report

|Live Report| Il Grupo Compay Segundo de Buena Vista Social Club a Villa Ada

Un bel pienone per quello che senza dubbio è stato il concerto più ballereccio di questa edizione di Villa Ada Roma Incontra il Mondo.

Venerdì 26 luglio è stato il turno del Grupo Compay Segundo de Buena Vista Social Club, una vera esplosione di sabor cubano e tradizione, aperto da un meraviglioso Luca Carocci.

La formazione attuale ha all’attivo oltre vent’anni di esperienza, che si vedono tutti nella maestria con la quale gestiscono il palco.

Ad ogni nota è impossibile non pensare a Maximo Francisco Repilado Muñoz, meglio conosciuto come Compay Segundo, anima della band originaria dei Buena Vista Social Club e vero e proprio pilastro della musica e cultura di Cuba.

Insomma, ci siamo trovati di fronte una band poliedrica, composta da un variegato ensemble, per strumenti e età, di musicisti di alto valore e competenza.

Ad emergere distintamente è quella classe unica nelle loro camicie bianche e inamidate e nelle movenze fluide dei numerosi componenti.

L’intento principale, ovvero riproporre la musica popolare pre-rivoluzione, emerge chiaro fin dalle prime note: da Ry Cooder a Guillermo Portabales, passando per Ibrahim Ferrer, suonano brani chiave della cultura cubana.

Non mancano poi i colpi di scena, come quello di Felix Martinez, che a metà del concerto suona l’armònico, strumento a sette corde inventato proprio da Compay, con un orologio al posto del classico plettro.

A proposito: bellissimo il rapporto che la band crea con il pubblico, costantemente invitato a ballare e sollecitato a partecipare attivamente al concerto.

E proprio il pubblico impazzisce sulle note delle celebri Guantanamera e Chan Chan.

Segue una lunghissima improvvisazione: vi prendono parte anche gli ospiti speciali della serata, vale a dire un cantante di origine cubana e Jose Ramon Caravallo Armas, già membro dei Bandabardò e presente in apertura nella formazione che ha accompagnato Luca Carocci.

Che dire, una serata meravigliosamente caliente.

di Veronica Boggini

foto di Damiano Sabuzi Giuliani

Condividi

Comments are Closed

Theme by Anders Norén