Review

|Review| Asaf Avidan – Lost Horse: il nuovo singolo e un nuovo album nel 2020

Tre anni dopo il suo ultimo disco in studio, The Study on Falling, il cantautore israeliano si appresta a pubblicare il suo quarto album da solista, anticipato dal suo secondo singolo “Lost Horse” e da “Earth Odyssey”, rilasciato il 10 aprile scorso.

Lost Horse, come racconta Asaf Avidan, è un pezzo creato dopo un anno strano, il 2019, dove nella sua casa di Pesaro è stato attaccato da un lupo cecoslovacco che aveva da poco adottato e dall’incidente che causò la perdita di Ariadne, la sua piccola cavalla.

Eventi che inevitabilmente spezzano l’anima e lasciano mancanze nella vita quotidiana di chi è abituato a vivere con animali. Compagni di viaggio che diventano parte integrante della quotidianità e che ci rassicurano.

Quando i minuti passano lentamente e di là non senti più quei rumori familiari e ti rendi conti di aspettare stupidamente un suono, un rumore, ecco che lentamente risale l’eco di tutto quello che hai perso in una vita.

E parte da qui Asaf Avidan, come si legge dai suoi profili social:

Ho aperto il mio quaderno e ho scritto due parole – LOST HORSE – in cima a una piccola pagina… E poi ho pianto per tutti gli amori che avevo e ho perso, per tutte le volte che la mia forza non era sufficiente a cambiare il risultato di una vita piena di punti. Una vita piena di finali. Ho pianto per quella che sembrava essere un’emozione senza limiti in un mondo limitato.

È vero, la nostra società è limitata e il mondo esterno ci sembra limitato e spesso le nostre emozioni sconfinano in quel mondo che può sembrare ai più incomprensibile, ma anche l’emozione più violenta e cupa ha il suo valore che a volte non riusciamo a leggere.

Credo che sia necessario ogni tanto nella nostra vita analizzare quello che è andato perso e poi andare avanti senza compromessi con il passato e tenere la nostra innocenza.

Lost Horse è la garanzia del prossimo album che uscirà a settembre.

di Davide Canali

Condividi

I commenti sono chiusi

Tema di Anders Norén