Review

E shoegaze sia… [25] La musica che non può mancare nella Fase 2.

E Shoegaze sia ...In Her Eye

Quello che mi stupisce, in meglio per fortuna, è che riesco sempre a trovare qualcosa che mi confermi quanto certe realtà, certe persone siano panacea e distrazione in certi particolari periodi.

Questo mese, vista la mole di cose, potrebbe sembrare un mese qualsiasi di ordinaria amministrazione, ma sappiamo che non è così; eppure la bellezza non smette di presentarsi alle nostre orecchie.

Prima band che segnalo all’interesse shoegazistico (bruttissima parola, ma la uso lo stesso), sono i Mary’s Restless Dream di Napoli. I conterranei che seguo da un po’ e che a mio parere potrebbero davvero essere qualcosa di davvero importante, sfoderano un Your Pain is Free, EP che prosegue il discorso e ne amplia e irrobustisce le peculiarità dei ragazzi partenopei: melodie esangui ed emotive, chitarre davvero ben calibrate e un mood low e malinconico che li mette nel solco del dream pop più raffinato ed emotivo.

Show me the Way è un pezzo di talento, mentre Cure my Desease dimostra che i ragazzi possono osare anche con un sound più carico oltre a tessere trame liquide e dilatate.

Esame superato, sempre che in futuro, appena la situazione pandemica lo consentirà, diano prova della loro sagacia.

Restiamo al sud e precisamente a Crotone. Questi li gradisco assai e ci punterei qualcosa. 7Mondays risorgono dalle ceneri del precedente progetto e se la giocano con i suoni che piacciono a me.

Libidine, primo singolo buttato lì, in pieno Covid, mette in mostra il gusto di Mykyta Tortora, Isacco Scarriglia e Alessandro Franco che giocano tra dream pop e un chorus assassino che taglianin due l’atmosfera rarefatta iniziale.

Attendo nuove e intanto ve li consiglio.

Concludo salendo a Firenze. Questi io li amo perché li amo e basta. Nuovo video per i We Melt Chocolate che ci propongono Blue Hair Girl con riprese tra japanese style, smerigliamenti shoegaze, oniricità senza freni. Fateveli piacere senza freni.

E shoegaze sia… di Dario Torre

Condividi

I commenti sono chiusi

Tema di Anders Norén